Accessibilità

Ricerca nuovi alloggi

Se sei proprietario di un appartamento del territorio dell'Unione, disponibile a dare in locazione il tuo alloggio all'Unione dei Comuni del Distretto Ceramico per le famiglie in difficoltà, avrai garanzie di: pagamenti regolari, riconsegna dell'alloggio nei tempi richiesti, ripristino di eventuali danni...

L’Unione dei Comuni del Distretto Ceramico,  intende acquisire in affitto alloggi di proprietà privata, da destinare a famiglie che incontrano difficoltà a reperire autonomamente l’abitazione.

 

Per chi affitta alloggi all’Unione dei Comuni del Distretto Ceramico che verranno gestiti mediante ACER, per gli scopi di cui al presente bando sono previste le seguenti agevolazioni e garanzie:

 

  • garanzia del pagamento regolare dell’affitto pattuito in due rate semestrali anticipate, definito sulla base dell’Accordo Territoriale siglato tra le organizzazioni sindacali dei conduttori e della proprietà edilizia ai sensi della Legge 431 del 9/12/98;
  • garanzia del rilascio dell’alloggio entro il termine stabilito dal contratto;
  • garanzia di riconsegna dell’alloggio nelle condizioni iniziali salvo normale deperimento dovuto alla vetustà;
  • erogazione di un contributo annuale pari all’importo dovuto dal proprietario come IMU (Imposta Municipale Unica sugli Immobili);
Proprietari di appartamento
Come accedere ai servizi online
  • Senza autenticazione

Servizio politiche abitative

Responsabile: Luigi Ferraguti

Contatti

Telefono: 0536 880.598 - Fax 0536 880.925
Email: politiche.abitative@distrettoceramico.mo.it
PEC: sociali@cert.distrettoceramico.mo.it

Orari

Dal lunedì al venerdì 8.30 - 13.30

martedì 14.30 - 16.30

giovedì 14.30 - 17.30

 

Sede

Via Adda 50/O - 41049 Sassuolo (MO) 

Strumenti di tutela

Strumenti di tutela giurisdizionale

Contro gli atti della pubblica amministrazione è sempre ammessa la tutela giurisdizionale dei diritti e degli interessi legittimi dinanzi agli organi di giurisdizione ordinaria o amministrativa (art. 113 Cost.)

L'organo competente per la tutela giurisdizionale per atti e/o provvedimenti ritenuti illegittimi sono il Tribunale Amministrativo Regionale della Regione Emilia Romagna (in primo grado) e il Consiglio di Stato (secondo grado).

Termini per presentare un ricorso per atti e/o provvedimenti amministrativi in generale:

60 giorni, a pena di decadenza, dalla notificazione dell'atto, dalla sua comunicazione o comunque conoscenza; in caso di termini diversi, gli stessi sono comunque specificati nell’atto medesimo.

Termini per presentare un ricorso contro il silenzio della pubblica amministrazione

L'azione può essere proposta trascorsi i termini per la conclusione del procedimento amministrativo, fintanto che l’Amministrazione continua ad essere inadempiente e, comunque, non oltre un anno dalla scadenza del termine di conclusione del procedimento amministrativo.

Termini per fare ricorso su richieste di accesso ai documenti amministrativi

L'azione può essere proposta entro 30 giorni dalla conoscenza della decisione impugnata o dalla formazione del silenzio-rifiuto, mediante notificazione al Comune e ad almeno un controinteressato.

Strumenti di tutela amministrativa

  • Ricorso in opposizione: avanti la stessa Autorità che ha emanato il provvedimento, entro 30 giorni; 
  • Ricorso gerarchico: avanti l’Autorità gerarchicamente superiore, entro 30 giorni; 
  • Ricorso straordinario al Capo dello Stato: entro 120 giorni dalla notificazione, comunicazione o conoscenza dell'atto impugnato ritenuto illegittimo (in alternativa al ricorso al T.A.R., Tribunale Amministrativo Regionale).