Accessibilità

Procedimenti dello Sportello Unico Attività Produttive

Cosa fare per presentare una pratica relativa a una delle seguenti attività produttive e attività di commercio

  1. Accertamento di compatibilità paesaggistica
    Se hai realizzato degli interventi edilizi e non, in assenza o in difformità dall’Autorizzazione Paesaggistica, sia essa di tipo ordinario o semplificata, e vuoi regolarizzarli, solo in alcuni casi previsti dalla legge, puoi “sanare” l'abuso presentando l'accertamento di compatibilità paesaggistica. Questo accertamento costituisce l'atto preliminare alla presentazione di istanze di sanatoria edilizia e urbanistica. Devi rivolgerti a un tecnico abilitato.
  2. Agenzia d'affari
    Per aprire un'agenzia d'affari devi presentare una segnalazione Certificata di Inizio Attività (S.C.I.A.).
  3. Agriturismo
    Le attività agrituristiche sono attività di somministrazione di alimenti e bevande, ricezione ed ospitalità esercitate dagli imprenditori agricoli, in forma singola o associata, attraverso l’utilizzazione della propria azienda e complementari rispetto alle attività principali. Per aprire questa attività devi presentare una Segnalazione Certificata di Inizio Attività (SCIA).
  4. Alberghi e strutture ricettive
    Per aprire o modificare una struttura ricettiva devi presentare la Segnalazione Certificata di Inizio Attività (SCIA), nonché l'eventuale notifica ai fini della registrazione dei dati dell'impresa alimentare.
  5. Animali da compagnia (allevamento, toelettatura, addestramento, pensione per animali da compagnia)
    Per avviare un'attività inerente strutture connesse al commercio di animali di affezione devi presentare una Segnalazione Certificata di Inizio Attività (SCIA). Per strutture connesse al commercio di animali di affezione si intendono le attività economiche, quali i negozi di vendita di animali, le pensioni per animali, le attività di toelettatura e di addestramento.
  6. Antincendio: Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA)
    Per le attività meno pericolose (lettere A e B) non occorre ottenere il certificato di prevenzione antincendio, ma devi comunque effettuare una segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) ai fini antincendio. Per le attività più pericolose (lettera C ), a seguito della presentazione della SCIA, dopo il sopralluogo, verrà rilasciato il Certificato di Prevenzione Incendi.
  7. Antincendio: valutazione del progetto per la realizzazione di impianti ed edifici soggetti
    Puoi richiedere, all'Ufficio Prevenzione dei vigili del fuoco, la valutazione del progetto in merito alla realizzazione di nuovi impianti o costruzioni nonché dei progetti di modifiche da apportare a quelli esistenti, che comportino un aggravio delle preesistenti condizioni di sicurezza antincendio.
  8. Apparecchi da gioco - art.110 TULPS
    In ogni esercizio è possibile installare apparecchi automatici da gioco. Se devi installare apparecchi da gioco devi presentare una Segnalazione Certificata di Inizio Attività (SCIA)
  9. Autorizzazione Integrata Ambientale (A.I.A.)
    L'Autorizzazione Integrata Ambientale è un atto che raggruppa autorizzazioni settoriali in merito - alle emissioni nell’aria, - agli scarichi nell'acqua; - alle emissioni nel terreno, - alla gestione dei rifiuti, - alla gestione del rumore, prevedendo la loro riduzione al minimo per raggiungere un elevato livello di protezione dell’ambiente. Viene rilasciata a una serie di imprese ritenute più impattanti.
  10. Autorizzazione paesaggistica
    Se devi realizzare interventi edilizi e non, che modifichino il paesaggio e/o l'aspetto esteriore dell'immobile, in aree soggette a vincolo paesaggistico, devi richiedere e ottenere la relativa autorizzazione paesaggistica. A seconda del tipo di intervento la procedura può essere ordinaria o semplificata. Devi rivolgerti a un tecnico abilitato.
  11. Autorizzazione sismica
    Se vuoi realizzazione dei lavori di nuova costruzione, di recupero del patrimonio edilizio esistente e di sopraelevazione di edifici, comprese le varianti sostanziali ai progetti presentati, devi prima richiedere e ottenere un'autorizzazione sismica. Devi rivolgerti a un tecnico abilitato.
  12. Autorizzazione Unica Ambientale (A.U.A.)
    Le imprese devono presentare domanda di Autorizzazione Unica Ambientale se vogliono richiedere il rilascio, il rinnovo o l'aggiornamento di almeno uno dei seguenti titoli abilitativi: a) autorizzazione agli scarichi idrici; b) comunicazione preventiva per i fanghi (utilizzazione agronomica degli effluenti di allevamento, delle acque di vegetazione dei frantoi oleari e delle acque reflue provenienti dalle aziende); c) autorizzazione alle emissioni in atmosfera per alcuni stabilimenti; d) autorizzazione alle emissioni in atmosfera a carattere generale; e) comunicazione o nulla osta in materia di acustica; f) autorizzazione all'utilizzo dei fanghi derivanti dal processo di depurazione in agricoltura; g) comunicazioni in materia di rifiuti.
  13. B&B (bed and breakfast)
    Per aprire un Bed and Breakfast devi presentare la Segnalazione Certificata di Inizio Attività (SCIA).
  14. Circoli aderenti ad associazioni a carattere nazionale: somministrazione alimenti e bevande
    Per somministrare alimenti e bevande all'interno di un circolo aderente ad un'associazione a carattere nazionale riconosciuta dal Ministero dell'Interno devi presentare la Segnalazione Certificata di Inizio Attività (SCIA), nonché la notifica ai fini della registrazione dei dati dell'impresa alimentare.
  15. Circoli non aderenti ad associazioni a carattere nazionale: somministrazione alimenti e bevande
    Per somministrare alimenti e bevande all'interno di un circolo non aderente ad un'associazione a carattere nazionale riconosciuta dal Ministero dell'Interno devi presentare la Segnalazione Certificata di Inizio Attività (SCIA), nonché la notifica ai fini della registrazione dei dati dell'impresa alimentare.
  16. Commercio elettronico
    L'attività di commercio elettronico può essere intrapresa previa presentazione di una SCIA (segnalazione di inizio attività) eventualmente integrata con la notifica ai fini di registrazione se si tratta di impresa del settore alimentare
  17. Commercio in sede fissa: esercizio di vicinato
    L'attività di commercio in sede fissa (esercizio di vicinato) può essere intrapresa previa presentazione di una SCIA (segnalazione di inizio attività) eventualmente integrata con la notifica ai fini di registrazione se si tratta di impresa del settore alimentare.
  18. Commercio in sede fissa: grande struttura di vendita
    L'attività di commercio in sede fissa (grande struttura di vendita) è soggetta ad autorizzazione comunale, a seguito di conferenza di servizi indetta dal Comune alla quale partecipano la Regione, la Provincia ed il Comune stesso.
  19. Commercio in sede fissa: media struttura di vendita

    L'attività di commercio in sede fissa (media struttura di vendita) può essere intrapresa previa autorizzazione comunale eventualmente integrata con la notifica ai fini di registrazione se si tratta di impresa del settore alimentare.

  20. Commercio su aree pubbliche con posteggio (tipo A)
    Per svolgere l'attività di commercio su aree pubbliche in sede fissa (tipo A) devi ottenere l'autorizzazione del Comune dove intendi esercitare l'attività. I posteggi liberi sono assegnati sulla base dei criteri stabiliti dalla Giunta regionale e previa pubblicizzazione sul Bollettino Ufficiale della Regione Emilia-Romagna.
  21. Commercio su aree pubbliche in forma itinerante (tipo B)
    Per svolgere l'attività di commercio su aree pubbliche in forma itinerante devi ottenere l'autorizzazione del Comune dove intendi esercitare l'attività. L'autorizzazione è valida per tutto il territorio della Repubblica Italiana.
  22. Denuncia di Deposito del progetto esecutivo riguardante le strutture
    Dopo aver completato i lavori edilizi per gli interventi soggetti a S.C.I.A. (Segnalazione Certificata di Inizio Attività) e a permesso di costruire, devi richiedere il Certificato di conformità edilizia, abitabilità e agibilità. Devi rivolgerti al tecnico abilitato che ha seguito la pratica.
  23. Deroga acustica per attività temporanee rumorose
    Dopo aver completato i lavori edilizi per gli interventi soggetti a S.C.I.A. (Segnalazione Certificata di Inizio Attività) e a permesso di costruire, devi richiedere il Certificato di conformità edilizia, abitabilità e agibilità. Devi rivolgerti al tecnico abilitato che ha seguito la pratica.
  24. Distributori di carburanti
    Per aprire un nuovo impianto di distribuzione carburanti devi ottenere l'autorizzazione presentando domanda ed allegando autocertificazione relativa al rispetto delle norme di sicurezza, fiscali, urbanistiche e ambientali, perizia giurata e copia della planimetria dell'impianto. Se intendi modificare l'impianto, a seconda dell'intervento, la modifica potrà essere o meno soggetta ad autorizzazione e successivo collaudo.
  25. Emissioni in atmosfera: adesione all'autorizzazione di carattere generale
    Il rilascio delle autorizzazioni per la costruzione, trasferimento o rinnovo e per l'aggiornamento delle autorizzazioni di stabilimenti che danno luogo ad emissioni in atmosfera di carattere generale (emissioni diffuse, convogliate di minore entità, ...) nonché per la continuazione dell'esercizio degli impianti esistenti è di competenza dell'ARPAE (Agenzia Regionale Prevenzione Ambiente Energia) dell'Emilia Romagna.
  26. Emissioni in atmosfera: autorizzazione per la modifica sostanziale di un impianto
    Dal 13 Gennaio 2013 l'autorizzazione settoriale alle emissioni in atmosfera è sostituita dall'Autorizzazione Unica Ambientale (A.U.A.).
  27. Fattoria didattica
    Le Fattorie Didattiche sono aziende agrituristiche o agricole che accolgono scuole, famiglie, gruppi di adulti per una comunicazione diretta fra agricoltore e cittadino, a cominciare dalle giovani generazioni. Per aprire una Fattoria Didattica devi innanzitutto essere titolare di un'attività agrituristica o agricola. Per aprire questa attività è necessaria una Segnalazione Certificata di Inizio Attività (SCIA)
  28. Fuochi d'artificio
    Per realizzare degli spettacoli pirotecnici, devi richiedere un'autorizzazione
  29. Gas tossici: rilascio/revisione patentino

    I lavoratori che, per le loro mansioni e per i macchinari cui sono addetti (es. frigoriferi industriali), possono avere a che fare con una serie di prodotti solitamente definiti “gas tossici” (es: Ammoniaca compressa – Acido cianidrico) devono essere in possesso di una speciale patente che attesta la loro idoneità all’utilizzo di tali prodotti ad alta nocività.

  30. Imprenditore agricolo: attività di vendita di prodotti ricavati dalla propria azienda
    La vendita diretta dei prodotti agricoli in forma itinerante è soggetta a comunicazione al comune del luogo ove ha sede l'azienda di produzione e può essere effettuata a decorrere dalla data di invio della medesima comunicazione. Per la vendita al dettaglio esercitata su superfici all'aperto nell'ambito dell'azienda agricola, nonché per la vendita esercitata in occasione di sagre, fiere, manifestazioni a carattere religioso, benefico o politico o di promozione dei prodotti tipici o locali, non è richiesta la comunicazione di inizio attività
  31. Notifiche Operatore Settore Alimentare - O.S.A.
    L'operatore del settore alimentare dovrà presentare al SUAP una Notifica in caso di: - Apertura di nuovo stabilimento - esercizio - ditta (anche a seguito di trasferimento); - Sub/ingresso con modifiche; - Sub/ingresso senza modifiche oppure una Comunicazione in caso di: - Variazioni/Modifiche dell'attività produttiva - Variazioni/Modifiche di locali - Variazioni/Modifiche di layout
  32. Pubblicità Permanente
    Per esporre forme pubblicitarie a carattere permanente (insegne di esercizio o altre forme) devi rivolgerti al Comune di competenza per ottenere l'autorizzazione. Successivamente dovrai rivolgerti all'Ufficio Unico Affissioni per fare una dichiarazione dei mezzi autorizzati. L'Ufficio calcola l'imposta di pubblicità e fornisce le indicazioni per effettuare il pagamento.
  33. Registri cose usate - agenzie d'affari
    Per lo svolgimento di alcune attività è obbligatorio tenere registri e/o tariffari. Alcune competenze per la vidimazione dei registri e tariffari sono state trasferite ai Comuni. Tra essi ci sono: il registro degli affari giornalieri per agenzie di affari; il tariffario delle prestazioni per agenzie di affari; il registro dei beni antichi e usati per la vendita di cose antiche e usate.
  34. Somministrazione al pubblico di alimenti e bevande (bar/ristoranti/pizzerie/ etc.)
    Per aprire un'attività di somministrazione alimenti e bevande aperta al pubblico devi presentare la Segnalazione Certificata di Inizio Attività (SCIA), nonché la notifica ai fini della registrazione dei dati dell'impresa alimentare.
  35. Vendita di cose usate, antiche o oggetti d'arte di pregio o preziose
    La vendita di oggetti d'arte di pregio o preziose può essere intrapresa previa presentazione di una SCIA (segnalazione di inizio attività). L'attività di vendita di cose usate o antiche non è più soggetta alla presentazione della SCIA.
  36. Valutazione igienico-sanitaria del progetto edilizio

    Il SUAP può richiedere al Dipartimento di Sanità Pubblica dell'Azienda USL il supporto tecnico per la valutazione degli interventi edilizi sugli insediamenti produttivi e di servizio, soggetti a Permesso di Costruire o a SCIA, nel caso in cui la verifica di conformità dei requisiti edilizi igienico sanitari comporti valutazioni tecnico-discrezionali e di particolare complessità. Il supporto tecnico può essere richiesto anche dal SUAP su istanza del privato (in caso di SCIA l'inizio dei lavori sarà differito).

  37. Tatuatori e attività di piercing
    L'attività può essere intrapresa previa presentazione di una SCIA (segnalazione di inizio attività) per attività di tatuatore e piercer

  38. Tintolavanderie
    L'attività di tintolavanderia può essere intrapresa previa presentazione di una SCIA (segnalazione di inizio attività

Come accedere ai servizi online
  • Autenticazione SPID livello alto

Sportello Unico per le Attività Produttive - S.U.A.P.

Responsabile: Giovanni D'Andrea

Orari

Si riceve su appuntamento.

Telefono:  si riceve telefonicamente dalle 09:00 alle 13:00 dal Lunedì al Venerdì

  • 0536/880839 0536/880832 Responsabile - Giovanni D'Andrea
  • 0536/880832 Istruttore Amm. - Chiara Di Paolo
  • 0536/880815 Istruttore Tecnico - Gabriele Bonini
  • 0536/880873 Istruttore Amm. - Samanta Fabbri
  • 0536/880843 Istruttore Amm. - Anna Tabaroni
  • 0536/971822 Istruttore tecnico - Federica Manni (Part. Time)

Sede

Via Caduti sul Lavoro, 1 - 41049 Sassuolo

Costi

Diritti istruttori per le autorizzazioni € 

Strumenti di tutela

Strumenti di tutela giurisdizionale

Contro gli atti della pubblica amministrazione è sempre ammessa la tutela giurisdizionale dei diritti e degli interessi legittimi dinanzi agli organi di giurisdizione ordinaria o amministrativa (art. 113 Cost.)

L'organo competente per la tutela giurisdizionale per atti e/o provvedimenti ritenuti illegittimi sono il Tribunale Amministrativo Regionale della Regione Emilia Romagna (in primo grado) e il Consiglio di Stato (secondo grado).

Termini per presentare un ricorso per atti e/o provvedimenti amministrativi in generale:

60 giorni, a pena di decadenza, dalla notificazione dell'atto, dalla sua comunicazione o comunque conoscenza; in caso di termini diversi, gli stessi sono comunque specificati nell’atto medesimo.

Termini per presentare un ricorso contro il silenzio della pubblica amministrazione

L'azione può essere proposta trascorsi i termini per la conclusione del procedimento amministrativo, fintanto che l’Amministrazione continua ad essere inadempiente e, comunque, non oltre un anno dalla scadenza del termine di conclusione del procedimento amministrativo.

Termini per fare ricorso su richieste di accesso ai documenti amministrativi

L'azione può essere proposta entro 30 giorni dalla conoscenza della decisione impugnata o dalla formazione del silenzio-rifiuto, mediante notificazione al Comune e ad almeno un controinteressato.

Strumenti di tutela amministrativa

  • Ricorso in opposizione: avanti la stessa Autorità che ha emanato il provvedimento, entro 30 giorni; 
  • Ricorso gerarchico: avanti l’Autorità gerarchicamente superiore, entro 30 giorni; 
  • Ricorso straordinario al Capo dello Stato: entro 120 giorni dalla notificazione, comunicazione o conoscenza dell'atto impugnato ritenuto illegittimo (in alternativa al ricorso al T.A.R., Tribunale Amministrativo Regionale).